Inferno Red Edition DOCG 2014 - PLOZZA


Inferno Red Edition DOCG 2014 - PLOZZA

16,00


Denominazione: Valtellina Superiore DOCG
Gradazione alcolica: 13% vol.
Uve: Chiavennasca (Nebbiolo) 100%
Contenuto: 75,0 cl
Vinificazione Al termine di una lenta macerazione, matura per circa due anni in botti di rovere di Slavonia.
Affinamento: avviene in bottiglia nelle cantine per più di un anno prima della commercializzazione

 

Inferno Valtellina Superiore - Plozza

Con la vinificazione in purezza di uve di Nebbiolo, la cantina Plozza, simbolo di eccellenza dell’area geografica a vocazione vinicola della Valtellina, produce questo sensazionale Vino Valtellina Superiore DOCG Inferno, Red edition; l’invecchiamento può tranquillamente raggiungere i 10 anni. Questo vino è frutto di un attenta vinificazione che prevede al termine di una lenta macerazione, una lunga maturazione per circa due anni in botti di rovere di Slavonia. Poi l’affinamento che si svolge in bottiglia nelle cantine, per più di un anno prima della commercializzazione.

Un vino elegante, delicato e distinto. Ha un’anima scura, che chiede al palato di essere esplorata. Nomen est omen – l’Inferno è un vino che, dischiudendo le sue segrete porte aromatiche, sembra volerti trascinare negli angoli più reconditi del gusto.

Caratteristiche del vino Valtellina Superiore DOCG Inferno “red edition”

All’aspetto il vino Inferno della valtellina si presenta con un colore granata di media intensità. Il profumo è invitante e preannuncia un vino tradizionale che, accanto alle note di frutti di bosco maturi, ricorda il cioccolato fuso. Il gusto è colto di sorpresa dai tannini, numerosi e insolitamente delicati, che si depositano come un sottile strato di cipria sulla dolcezza del fruttato. Affiorano note di erbe alpine, rosmarino e liquirizia.

 

Va servito a 18° C in calice ampio. Raggiunge una gradazione alcolica di 13,5% Vol.

 

Una viticoltura eroica quella della Valtellina vista la posizione impervia dei suoi vigneti. La presenza del sole per lunghi periodi dell’anno permette la maturazione di ottime uve. L’ingegno degli antichi viticoltori della zona è stato creare dei lunghi muri a secco per circa 50 km. Oggi è l’area vinicola terrazzata più estesa al mondo. Nella Valtellina nasce nel 1919 Cantina Plozza, un’azienda giovane e moderna nata. Fu fondata da Pietro Plozza e oggi è guidata da Andrea Zanoli. Con spirito innovativo nel 1946 è stata la prima a commercializzare il tipico vino valtellinese: lo Sforzato. I vigneti sono situati tra i 400 e 700 m s.l.m., mentre le cantine hanno sede a Tirano e Brusio. L’azienda non rinnega la tradizione e il territorio, ma lo esalta in connubio alla ricerca, alle innovazioni tecnologiche e alla sperimentazione. Infatti la cantina ha abbandonato i vecchi serbatoi in calcestruzzo sostituendoli con fermentini in acciaio di ultima generazione. Ha investito sul legno per permettere maturazione e affinamento ottimale con passaggi dalle botti di castagno e quercia fino alle barrique. La produzione annua è pari a circa 350.000 bottiglie. I suoi prodotti sono ricercati e attenti anche nel packaging. Prodotti emblemi dell’azienda sono i suoi “Supersforzati” come il Numero Uno e la linea Edition, raffinata ed elegante, per i vini Grumello, Inferno, Sassella, Seduzione e Sfurzat.

Cerca anche queste categorie: CATALOGO, CARTA DEI VINI, Valtellina, PROVENIENZA, Lombardia, TIPO DI VINO, Vini Rossi